Italiano
Logo di Sillingy

Sillingy è un comune francese di 2.881 abitanti situato nel dipartimento dell'Alta Savoia della regione del Rodano-Alpi.

La sua storia inizia attorno al 443 quando i Burgundi, popolazione di stirpe germanica, furono mandati da Ezio, generale romano che li aveva sconfitti nel loro tentativo di invadere la Francia, nella zona che divenne poi la Sapaudia (attuale Savoia. Il termine indica il “paese dei pini”) per controllare i confini.
In quei territori era presente una popolazione celto-romana, che diede poi origine agli Allobrogi.

A testimonianza della loro presenza sono le tombe denominate a torto “merovingiche”, scoperte spesso semplicemente arando la terra nella zona di Mannecy. Si tratta in realtà di tracce della popolazione burgunda, la stessa che diede poi il nome al regno di Borgogna e che può a ragione essere considerata, assieme ai celtici Allobrogi, gli antenati del territorio che circonda Sillingy.

I Burgundi provenivano da un territorio situato tra l’Oder e la Vistula (che rappresenta oggi gran parte della Polonia). A partire del 275, dopo la morte dell’imperatore Aureliano, si spostano verso Sud attratti, come molti altri popoli, dalle ricchezze dell’impero romano.

Durante il loro spostamento incontrarono altre tribù cui si unirono, in particolare i Sillingi della stirpe dei Vandali, e si diressero verso Ovest.
Attorno al 280 si fermarono nell’attuale Germania meridionale e giunsero attorno al Lago Lemano attorno al 443. Il resto della storia è noto!

È pertanto molto probabile che la comunità di Sillingy sia il luogo in cui s’insediarono i Sillingi.

(fonte: sito web del Comune di Sillingy)